Federico Zaltron

Federico Zaltron, nato nel 1992, nel 2012 si è diplomato in Violino al Conservatorio di Vicenza con il massimo dei voti.
Dal 2012 al 2014 ha studiato con il M° Massimo Quarta al Conservatorio della Svizzera Italiana e dal 2016 studia con il M° Carlo Feige alla Scuola di Musica Civica di Milano.
Dal 2013 ha frequentato il Biennio Jazz al Conservatorio di Vicenza studiando con i Maestri Pietro Tonolo, Paolo Birro, Michele Calgaro e Salvatore Majore. Nel 2016 ottiene la laurea di secondo livello in discipline musicali Jazz con il massimo dei voti presentando una tesi riguardante le registrazioni RCA di Sonny Rollins.

Diverse sono le masterclass con Gil Goldstein, Mario Raia, Roberto Dani, Pietro Leveratto, Giovanni Mancuso e Andrea Dulbecco.
Ha frequentato il “Merano Jazz Workshop” nel 2013 e 2014 studiando con Tim Berne, Robert Bonisolo, Riccardo Zegna e Peter Erskine, vincendo la borsa di studio come Newcomer nel 2013 e ricevendo grandi complimenti per il suono da parte di Tim Berne. Ha frequentato come borsista il workshop “La creazione del timbro” organizzato dalla Fondazione Cini di Venezia e da Repertorio Zero nel 2017.

In occasione dell’inaugurazione del padiglione Argentina all’interno della Biennale di Venezia 2010 (architettura), ha eseguito “Tierkreis” di Stockhausen.
Alla fine del 2010 partecipa, come violinista improvvisatore e attore, alla messa in scena di “Nane Oca” di Giuliano Scabia al Teatro Olimpico di Vicenza.

Nel 2014 è chiamato da Riccado Zegna a far parte del sestetto “Quasi Classico” (Gabriele Evangelista, Andrea Melani, Enrico Di Crosta e Marco Moro) con il quale ha suonato al “Piacenza Jazz Fest”, al Jazz Club di Torino, al Jazz Club Ferrara, all’ “Antiruggine” di Mario Brunello…
Fa parte inoltre dell’ottetto “Riccardo Zegna & Original Standard Octet” assieme a Giampaolo Casati, Claudio Chiara e Roberto Paglieri. Durante lo stesso anno è stato selezionato come primo violino per l’ “Orchestra Nazionale Giovani Talenti Jazz” con la quale ha suonato ad “Iseo Jazz”, al Teatro Morlacchi per “Umbria Jazz”, al Festival “Les Rendez-Vous de L’Erdre” di Nantes, al “Piccolo Teatro Strehler” di Milano, al Conservatorio di Santa Cecilia, al Teatro Puccini di Firenze, al Teatro Eliseo di Roma, al “Teatro Ariston” in occasione del “Premio Tenco”…

Suona nel Trio “I Federici più Glauco Benedetti” con il pianista Federico Pozzer e il tubista Glauco Benedetti.
Ha fondato nel 2015 il “Quartetto in FA: Aleandre e i Federici” (Federico Pozzer, Andrea Ruocco e Alessandro Ruocco); quartetto estremamente apprezzato dal critico musicale Franco Fayenz in occasione del “Vicenza Jazz” 2016.

Fa parte del trio swing “Les Manouches Bohémiens” con il quale si è esibito al “Teatro Comunale Città di Vicenza”, al “Pennabilli Django Festival 2013”, all’ “Antiruggine” di Mario Brunello, al “Panic Jazz Club”, al “Ferrara Buskers Festival” e con cui ha registrato il CD “Jean”.

Ha collaborato inoltre con: Cheryl Porter, Enrico Graziani, Marco Birro, Federico Pierantoni, Davide Zambon, Luca Pisani, Marco Soldà, Nicola Caminiti, Andrea Miazzon, Joe Clemente…
Ha iniziato l’esperienza improvvisativa all’età di quindici anni grazie a performance “di strada” assieme al chitarrista Nicolò Apolloni con cui suona tutt’ora nel duo Swing Job.
Insegna violino e violino jazz nella scuola “Thelonious Monk” di Vicenza.

RICHIEDI UN INCONTRO CONOSCITIVO, SENZA ALCUN IMPEGNO, CON FEDERICO.

Federico Zaltron 2016-10-08T00:37:36+02:00 aerdna77




Insegnante di

Violino

Condividi su facebook